Velocizzare il proprio sito web in maniera efficace: ecco come fare

Velocizzare il proprio sito web in maniera efficace: ecco come fare

Il sito web è un’importante risorsa per le aziende e per tutti coloro intenzionati a promuovere la propria attività online. Non sono sufficienti la sua creazione e il lancio, per quanto importanti, affinché risulti funzionale o in grado di attirare la clientela desiderata. Ci sono altri aspetti da tenere in considerazione e di cui bisogna occuparsi con costanza per ottenere il massimo profitto possibile dalla propria pagina web.

Velocizzare un sito web

Al giorno d’oggi un sito viene considerato lento anche quando impiega qualche decimo di secondo in più del normale a rispondere alle richieste degli utenti. La velocità è un fattore di ranking, quindi permette un posizionamento migliore nell’ambito della ricerca sul web, adatto per farsi conoscere. È proprio Google, infatti, che si pone come obiettivo quello di fornire alle persone che navigano la miglior esperienza possibile anche in fatto di rapidità. In pratica, uno dei fattori determinanti e di cui occuparsi ampiamente è la user experience. Un contenuto non adattato al formato mobile, con connessioni lente o poco stabili viene sicuramente meno apprezzato rispetto ad una pagina più attiva nella risposta e che tiene conto delle diverse esigenze della persona fisica al di là dello schermo.

Le soluzioni al problema

Naturalmente, chi si ritrova in questa situazione deve pensare in maniera molto chiara a come affrontare e superare il problema della lentezza. Ci sono diverse operazioni più o meno complesse che possono influire positivamente sulla velocità del sito. La regola di base risiede nell’eliminare tutto ciò che è superfluo in termini di dati. È importante fare questo senza che ci siano modifiche nel modo in cui la risorsa risulta accessibile al pubblico. Un altro punto è quello di evitare catene di redirect, per cui il passaggio da una pagina all’altra influenza profondamente la percezione dell’utente rispetto al contenuto. Ad esempio, il passaggio da un URL denominato A, poi a B e infine a C dovrebbe essere gestito direttamente da un redirect che, pur partendo da A, possa portare a C senza necessariamente transitare dalla pagina intermedia. Una terza via è quella di affidarsi ad un web designer per l’ottimizzazione della velocità di caricamento attraverso un tema veloce ed efficiente. In questo caso sono importanti anche le immagini, delle quali è possibile ridurre le dimensioni senza conseguenze sulla qualità del contenuto.

Altre soluzioni

Un’alternativa a tutte le precedenti e che può portare a grandi vantaggi e risparmi in termini di tempo è sicuramente l’acquisto di un hosting di alta qualità. Sono dei veri e propri server, solitamente dotati di singolo o doppio processore.
I server dedicati, infatti, come indicato su https://www.aziendeitalia.com/datacenter/server-dedicati/ sono l’ideale per infrastrutture di Private Clouding. Questi prodotti sono indirizzati a tutte le agenzie di marketing e software house che necessitano di un ambiente specifico privo di vincoli per la presenza in rete dei clienti. Grazie all’esperienza accumulata nei 15 anni di attività nell’ambito della fornitura di servizi per internet e hosting, Aziende Italia gode di una certa fama e successo. Tra i server dedicati proposti ci sono quelli più economici, la cui caratteristica principale è la grande disponibilità di spazio su disco; quelli che funzionano come compromesso in termini di prezzo e prestazioni, in grado di andare incontro alla maggior parte delle esigenze delle applicazioni web; infine quelli della linea Professional, ideali in caso di hosting che richiedano performance molto elevate.
I server dedicati, inoltre, possono essere virtualizzati al fine di creare più macchine virtuali. Questo tipo di operazione permette di automatizzare il processo di gestione di queste tramite interfacce web e un sistema di API. L’obiettivo finale è quello di favorire l’integrazione con sistemi di provisioning o billing.

Nicole Tommasi