La temperature dei pc: come monitorarla

La temperature dei pc: come monitorarla

Nel momento in cui i computer tendono a surriscaldarsi, possono andare incontro a problemi evidenti. Avere un panoramica chiara in riferimento a come monitorare la temperature dei pc, si rivela utile per poter continuare a servirtene e affinché la durata e la stabilità delle componenti e delle performance non ne risenta minimamente. Prima di tutto, però, è bene mettere in evidenza come il monitoraggio della temperatura di un pc, e in particolar modo della CPU, possa essere effettuato tramite il ricorso a un software ad hoc o sulla base delle impostazioni UEFI/BIOS.

Temperatura pc: i software di monitoraggio

I leader nel mercato della produzione di CPU, vale a dire Intel e AMD, mettono a disposizione degli utenti appositi software deputati al monitoraggio della temperatura pc. Tra le soluzioni maggiormente versatili su questo tema, vale la pena segnalare Core Temp. Si tratta di una valida utility freeware che, a seguito del download e dell’installazione sul computer in uso, permetterà all’utente di essere aggiornato su alcuni parametri utili, come la temperatura attuale, quella minima, quella massima e la percentuale del carico di lavoro attuale.

Temperatura pc: il ruolo delle impostazioni UEFI/BIOS

Il BIOS (Basic Input/Output System) è l’intermediario fra l’hardware e il sistema operativo di un pc. Contiene le impostazioni del firmware. L’UEFI (Unified Extensible Firmware Interface) è un’interfaccia firmware che nei pc di ultima generazione ha rimpiazzato il BIOS. Bisogna partire dall’idea di fondo, che in termini funzionali, il loro ruolo è equivalente. Ragion per cui, sui pc più datati, si accede al BIOS tramite la combinazione di tasti F2, F12, ESC oppure CANC. Nei computer più recenti, si accede all’UEFI, direttamente tramite l’apertura del menù Windows e seguendo il percorso “Arresta” > “Riavvia“, opzione che si seleziona tenendo premuto il tasto “MAIUSC“. In tutti e due i casi, però, il monitoraggio delle temperature del pc non è propriamente agevole, perché, da un lato, occorre necessariamente riavviare la macchina. Quindi, qualsiasi compito che l’utente prova a portare a termine, andrà interrotto. Dall’altro, non si può parlare di vero e proprio monitoraggio delle temperature, perché sia nel caso del BIOS sia in quello dell’UEFI, verrà visualizzata solo una specifica istantanea, corrispondente a un determinato momento. In riferimento a come monitorare la temperatura pc, il ricorso a un software è sempre molto utile. Il motivi è che il controllo viene fatto quando la macchina è in esecuzione.

Temperatura pc: qual è quella massima?

Idealmente, la temperatura massima dei pc non dovrebbe mai superare i 100 gradi centigradi. In caso contrario, infatti, la macchina andrebbe in over temperature protection. Cos’è quindi che accade in questo scenario? Sostanzialmente, il pc va incontro all’autospegnimento, al fine di proteggersi dal calore. Vi sono numerosi contesti lavorativi, dove la situazione tende a ripetersi con una maggiore frequenza: i capannoni industriali, a tal proposito, si dimostrano un esempio calzante. Visti i bruschi e repentini cambi di temperatura, può capitare che se viene oltrepassata la soglia massima, il pc si spegna e resti inutilizzabile fino al momento in cui non scenda al di sotto dei parametri ammessi. Solo allora, infatti, si riaccenderà e l’utente potrà tornare a servirsene come se nulla fosse accaduto. Il controllo della temperatura per pc industriali è un’operazione a cui prestare molta importanza, affinché si eviti il surriscaldamento delle componenti hardware.

La temperatura della CPU influisce sulle prestazioni?

Sì. I rallentamenti, infatti, possono diventare piuttosto frequenti e le prestazioni ne risentono. Ecco spiegato il motivo in base al quale il controllo della temperatura del pc va fatto con una certa frequenza, anche nell’ottica di migliorare le performance mediante l’overcloacking della CPU, ossia tramite quella tecnica, volta a sfruttare appieno le potenzialità del processore e la potenza della macchina.

Conclusioni

In mancanza di misure di raffreddamento degne di nota, il rischio di ritrovarsi nell’impossibilità di utilizzare il pc risulta piuttosto probabile, soprattutto se si decidesse di spingersi troppo avanti per incrementare le performance della macchina. Per migliorare la velocità, ad esempio, è bene sempre e comunque tenere sotto controllo la produzione di calore del pc. Occhio poi ai malware. Ve ne sono alcuni particolarmente subdoli che hanno come intento primario quello di sottoporre il processore a una tensione considerevole. L’incremento della temperatura che ne deriva è solo una logica conseguenza. Ecco perché tra le altre cose l’installazione di un buon antivirus risulta imprescindibile.

Nicole Tommasi